La sala Galli del Caffè Greco

Autoritrato Galli
Alessandro Faure, Venezia, cala degli Schiavoni, Venezia
Hottenroth, veduta Piazza San Pietro
Autoritrato Galli Alessandro Faure, Venezia, cala degli Schiavoni, Venezia Hottenroth, veduta Piazza San Pietro

 

LA SALA GALLI CON L’AUTORITRATTO DEL PITTORE ANTICONFORMISTA E LA GRANDE TELA SU CALA DEGLI SCHIAVONI A VENEZIA

 

La sala prende il nome dall’omonimo pittore milanese Luigi Galli, anticonformista e squattrinato, ma dalla vasta produzione fra Roma, Napoli e Londra nella seconda metà dell’ottocento. Di lui vi è  un autoritratto che si accompagna  alla grande veduta di Venezia di Alessandro Faure riproduce la “Cala degli Schiavoni”. Nella sala anche vedute naturalistiche tra cui quelle di Carosi, una superba statuetta di donna  di Luigi Amici e un recente acrilico di Stellario Baccellieri dedicato agli avventori del Caffè Greco. Ma spicca in evidenza il dipinto di una delle fontane di piazza S.Pietro realizzato da Vincenzo Giovannini, uno degli autori “preferiti” del Caffè di Roma.